Miti e leggende americani

Se la settimana scorsa ci siamo concentrati sulle antiche leggende che popolano il Regno Unito, questa settimana ci soffermiamo su miti e leggende americani.

Creature dalle terrificanti fattezze, streghe, demoni, fantasmi e luoghi oscuri sono i personaggi principali delle innumerevoli storie che nei secoli si sono diffuse nel continente americano.

IL BIGFOOT

Secondo la tradizione, il cosiddetto Bigfoot è una creatura enorme che vive in America Settentrionale. Dalle sembianze scimmiesche, questo strano essere sarebbe ricoperto di una folta pelliccia e dovrebbe essere alto circa 2 o 3 metri. La sua reale esistenza non è mai stata accertata nonostante i numerosi avvistamenti che si sono rivelati completamente falsi. Cospicue sono le teorie legate al Bigfoot ma la scienza non è mai riuscita a giungere a un risultato unanime né tantomeno certo. Quale sarà il segreto di questa spaventosa creatura?

IL TRIANGOLO DELLE BERMUDE

Chi non hai mai sentito parlare dei misteriosi avvenimenti accaduti nel Triangolo delle Bermude? Navi e aerei scomparsi nel nulla, così come energie inspiegabili sono alla base di molteplici speculazioni che hanno reso questo luogo decisamente inquietante.

Niente extraterrestri, fenomeni paranormali o universi paralleli, bensì semplici fenomeni meteorologici ed errori umani che avrebbero causato la sparizione di mezzi navali e aerei, oltre che di vite umane, nei fondali marini che sono profondi circa 9.000 metri.

LA PORTA DELL’INFERNO DI BOBBY MACKEY’S

Nella cittadina di Wilder nello stato del Kentucky esiste un locale, il Bobby Mackey World Music, noto per la presenza di un passaggio verso l’inferno dal quale i demoni potrebbero entrare nel nostro mondo. Presenze paranormali sarebbero causa di aggressioni ai clienti e ai lavoratori del locale. Tetri rumori e movimenti invisibili ma percettibili sono la ragione per cui il pub americano è considerato il luogo più infestato degli USA.

CHARLIE NO FACE (CHARLIE SENZA FACCIA)

Tra miti e leggende americani questa di Charlie no face si basa su una storia vera dai risvolti molto tristi. Il vero nome di questo personaggio era Raymond Robinson, un uomo che visse tutta la vita chiuso in casa a causa di un incidente che all’età di otto anni gli sfigurò il volto.

Il suo aspetto incuteva timore agli abitanti di Koppel, in Pennsylvania, e Raymond si trovò costretto a passare le giornate tra le quattro mura di casa sua concedendosi qualche passeggiata durante la notte. Per questo motivo la sua figura è stata associata a quella di un fantasma notturno che vagava per le vie della città. La leggenda si è poi talmente radicata nella cultura popolare che l’uomo è stato nominato Charlie no face.

Vuoi scoprire il tuo livello di inglese?

Puoi eseguire gratuitamente il nostro test!

VAI AL TEST