inglese per lavorare

L’inglese per lavorare: un mondo sempre più connesso!
In un mondo sempre più connesso è indispensabile la conoscenza della lingua inglese per poter comunicare al meglio. Oggi, saper parlare inglese non è più solamente un valore aggiunto, ma un vero e proprio passaporto in grado di aprire molte porte sia nel mondo del lavoro che dell’istruzione.
A sostengo le parole di Nick Beer, Country Director per l’Italia di Cambridge Assessment English:
“La conoscenza dell’inglese è essenziale al giorno d’oggi, non solo per accedere a tutte le risorse che la rete ci mette a disposizione, ma anche per navigare in una quotidianità sempre più internazionale e per farsi strada in un mondo del lavoro più competitivo di quanto non lo fosse anche solo 20 anni fa”

Per quanto riguarda la situazione in Italia, l’inglese per lavorare è sicuramente sempre più richiesto. Il mondo del lavoro, nel nostro paese, è infatti sempre più internazionale, e capita spesso di avere quindi a che fare con clienti o fornitori provenienti dall’estero e con i quali è necessario comunicare in inglese. Proprio per questi motivi, molte realtà imprenditoriali, tra i requisiti, richiedono l’inglese per lavorare presso le loro aziende.

Inglese per lavorare: le 5 professioni più richieste

In Italia, fra i settori che richiedono maggiormente la conoscenza della lingua inglese per lavorare, sono soprattutto il settore delle vendite, dei mestieri specializzati, il settore dell’hospitality ed eventi, trasporti e software. Nei settori appena citati, si ha spesso a che fare con scambi internazionali di merci o contatti con le persone provenienti dall’estero. Per queste ragioni, risulta quindi importante possedere un’adeguata capacità comunicativa per poter svolgere professioni appartenenti a queste categorie.

Più precisamente però, fra le professioni che maggiormente richiedono l’inglese per lavorare ne abbiamo individuate cinque:

  • Prima fra tutte la figura che si occupa di supporto all’amministrazione. La richiesta dell’inglese per lavorare in questo settore è dovuta alla globalizzazione e all’ampliamento continuo dei mercati.
  • Stessa situazione per gli sviluppatori di software, i quali si trovano a dover possedere un linguaggio sempre più tecnico in lingua inglese.
  • Al terzo posto si classificano i tecnici di manutenzione: in questo caso è necessario saper parlare questa lingua per poter gestire i macchinari e gli strumenti provenienti da fabbriche internazionali, e apprendere istruzioni e comandi redatti sempre in lingua inglese.
  • Al quarto e al quinto posto troviamo rispettivamente la figura dell’addetto vendita e la figura che si occupa di marketing.
    Per quanto riguarda le prime quattro professioni, si stima che sia sufficiente un livello medio della conoscenza della lingua inglese, mentre per l’ultima professione, è richiesto un livello avanzato.

Vuoi scoprire il tuo livello di inglese?

Puoi eseguire gratuitamente il nostro test!

VAI AL TEST